14 Gennaio 2021  14:15

UniFrance, la sala prima di tutto

redazione
UniFrance, la sala prima di tutto

In un’intervista a Repubblica, la direttrice Daniela Elstner ha parlato dello stato attuale del cinema francese tra pandemia, rapporto con le piattaforme e le speranza di un’edizione in presenza per il Festival di Cannes

In occasione dei Rendez-Vous du cinéma français (la tradizionale manifestazione di tre giorni di promozione del cinema francese che di solito si tiene a Parigi, ma che quest’anno è in versione digitale dal 13 al 15 gennaio), la direttrice di UniFrance Daniela Elstner ha avuto modo di parlare del futuro del cinema d’Oltralpe. Intervistata da Repubblica, Elstner ha ribadito il sostegno che la sua associazione vuole dare in primis alle sale: «per il 2021, dobbiamo essere doppiamente preparati a supportare distributori ed esercenti, quando i cinema apriranno».

Se il Coronavirus ha messo a dura prova il box office francese (che nel 2020 ha segnato un calo del 69% sul 2019), il 2021 ha però le potenzialità per far ripartire il mercato, perché, oltre a molti titoli già pronti la cui uscita – come in Italia – è stata rinviata a quest’anno, «nonostante la pandemia, i set sono stati riaperti rapidamente, quindi avremo molti film pronti per il 2021». E nel 2021, c’è poi la speranza di tornare a partecipare dal vivo al Festival di Cannes: «Sì, vogliamo un’edizione fisica –ha dichiarato Elstner – ma ciò dipenderà da come progredirà la pandemia, perché è la saluta a contare più di ogni altra cosa».

Sulla possibilità che la scelta di Warner di distribuire i film del proprio listino 2021 in contemporanea nelle sale e su HBO Max possa incidere sui modelli distribuitivi anche in Francia, Elstner ribadisce la centralità della sala: «In Europa, la nostra politica culturale non può essere paragonata a quella degli Stati Uniti. L’Unione Europea ha chiesto da tempo ai suoi stati membri di lavorare su quella che viene chiamata la “Direttiva AVMS (Audiovisual Media Services). Ciò implica, tra le altre cose, la regolamentazione, in Europa e Paese per Paese, della presenza di film europei sulle piattaforme globali. In Francia, quindi, il rapporti tra cinema e streaming sarà regolamentato con una legge un via di approvazione. Non saranno quindi possibili uscite simultanee, perché per tutti i film la sala manterrà il suo posto in prima fila».

Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

  • 14 Dicembre 2020
    E ora?
    Cosa fare ora che il Natale è perso, che i cinema (se non ci comporteremo bene durante le festività) riapriranno verso...
Paolo Sinopoli

ACCADDE OGGI

  • 26 Gennaio 2015
    La piattaforma della cultura italiana
    È stata presentata dal Ministero dei Beni Culturali VeryBello.it, una piattaforma digitale interattiva per promuovere in modo innovativo l’offerta...

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy